L’epopea delle donne armene

L'epopea delle donne armene da La masseria delle allodole a Il Libro di Mush

Quando

27/05/2013

Ora

17:30

Luogo

Sala Montanari della SOCIETÀ LETTERARIA DI VERONA

Dettagli

Saluti:
Daniela Brunelli
Presidente della Società Letteraria di Verona

Carlo Bortolozzo
Presidente del Centro di Cultura Europea Sant’Adalberto

L'incontro

“Alle donne è stato affidato il gravoso compito di preservare la memoria del popolo armeno. Sono state loro, durante la diaspora a farsi carico di garantire che tradizioni, cultura, e anche le ricette tradizionali armene non venissero dimenticate. Le donne armene sopravvissute al genocidio conservarono e trasmisero con cura ai loro figli non solo la lingua e la storia del popolo ma anche abitudini,costumi, canzoni e ricette di cibi tipici.”

 Antonia Arslan

Il Centro di Cultura Europea Sant’Adalberto, La Fondazione Giorgio Zanotto e la Società Letteraria di Verona presentano:

L’epopea delle donne armene da La masseria delle allodole a Il Libro di Mush

Incontro con la scrittrice Antonia Arslan

Lunedì 27 maggio ore 17.30 presso Sala Montanari della SOCIETÀ LETTERARIA DI VERONA – P.zz.tta Scalette Rubiani 1 (piazza Bra)

Da anni Antonia Arslan ha messo al centro della sua opera il genocidio che nel 1915 ha colpito il popolo armeno. Ne La masseria delle allodoleha raccontato la tragedia della sua famiglia armena, ne Il Libro di Mush la Arslan, che più che una storica si definisce una cantastorie, racconta un episodio di coraggio femminile. Durante la fuga  dall’Armenia due donne riescono a salvare l’antico libro simbolo della cultura armena che pesa ventisette chili ed è alto quasi un metro, smembrandolo e portandolo con sé.

Il romanzo è la storia toccante del loro tentativo di portare in salvo questa preziosa memoria della loro comunità a rischio della loro vita. Non sono molti i conflitti nei quali è stata data una lettura di genere, una visione della tragedia vista con gli occhi delle donne. Nel genocidio armeno un milione e 500 mila Armeni cristiani vennero sterminati dai Turchi. Gli uomini vennero condannati alla fucilazione immediata; alle donne venne riservato un destino, se possibile, ancora più atroce: la deportazione. Donne, vecchi e bambini vennero fatti marciare per giorni e giorni verso false destinazioni con l’obiettivo di morire di fame e di stenti. Violate, stuprate, umiliate, quelle donne dal carattere forte e sensibile non si arresero.

Si deve proprio alle donne se il popolo armeno ha continuato ad esistere. “Alle donne – evidenza Antonia Arslan – è stato affidato il gravoso compito di preservare la memoria del popolo armeno. Sono state loro, durante la diaspora, a farsi carico di garantire che tradizioni, cultura, e anche le ricette tradizionali armene non venissero dimenticate. Le donne armene sopravvissute al genocidio conservarono e trasmisero con cura ai loro figli non solo la lingua e la storia del popolo ma anche abitudini, costumi, canzoni e ricette di cibi tipici. Le donne armene – sottolinea la scrittrice – avevano un elevato livello culturale dovuto anche a una diffusa scolarizzazione”. Donne che, nei loro diari, hanno immortalato la tragicità dei momenti vissuti durante la deportazione.

L’incontro sarà trasmesso in diretta audio streaming: http://www .societaletteraria.it/streaming/

Condividi l'evento

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime notizie.

Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Ti potrebbe interessare:

2020/2021

Nel nome di Dante

Presentazione del libro di Marco Martinelli “Nel nome di Dante. Diventare grandi con la Divina Commedia” (Ponte alle Grazie, 2019).

Leggi Tutto »