Libertà e senso del lavoro

L'esperienza di Solidarność, una sfida per oggi

Quando

28/05/2014

Ora

20:45

Luogo

Teatro Stimate

Dettagli

Intervengono:
Luigi Geninazzi,
giornalista e scrittore, è esperto di problemi internazionali. Come inviato speciale per il settimanale il Sabato e poi per il quotidiano Avvenire è stato praticamente in tutte le aree “calde” del mondo ma ha sempre rivolto una particolare attenzione all’Europa dell’Est. Corrispondente a Varsavia negli anni Ottanta, quindi a Mosca all’inizio degli anni Novanta, è stato testimone diretto delle rivoluzioni democratiche nei Paesi comunisti fin dalla nscita di Solidarność. Ha incontrato più volte Giovanni Paolo II di cui ha seguito molti viaggi internazionali. Ha raccontato, stando sul campo, le guerre più importanti degli ultimi anni, dal Kosovo all’Afghanistan, dall’Iraq a Israele, dalla Georgia a Gaza. Nel 2011 ha assistito alla rivoluzione di piazza Tahir al Cairo. Per i suoi reportages ha ricevuto vari premi. La Polonia gli ha conferito la Croce di Grand’Ufficiale della Repubblica, uno dei più alti riconoscimenti per un cittadino straniero.

Sandro Chierici,
curatore della mostra Danzica 1980. Solidarność, consulente editoriale, dopo una lunga esperienza in case editrici ha dato vita nel 1993 ad Ultreya, uno studio specializzato nella realizzazione di volumi d’arte e fotografia per coedizioni internazionali, che collabora con i maggiori editori europei. Ha collaborato fin dalla prima edizione al Meeting di Rimini, curando diverse mostre (tra le più recenti: Budapest 1956. La rivoluzione, per l’edizione 2006 e Praga 1968. L’impossibile primavera, per l’edizione 2008) e il volume fotografico Meeting. Volti e storie, pubblicato nel 2004

Moderatore:
Michele Marras, responsabile culturale Associazione Rivela

L'incontro

La ricerca della libertà e di un senso del lavoro sono i due elementi caratterizzanti la nascita e la lotta di Solidarność, il primo sindacato libero in Polonia agli inizi degli anni Ottanta durante l’oppressione del regime comunista. Quella che inizialmente era una rivendicazione sindacale operaia divenne poi un vero e proprio movimento di popolo, nel quale si ritrovarono coinvolti operai, contadini, studenti, esponenti della cultura. Da subito è apparsa una diversità che ha stupito i burocrati dell’Est ma anche l’opinione pubblica occidentale: i punti di riferimento di Solidarność non erano delle dottrine ma delle persone e questo spiega perché sul cancello degli stabilimenti di Danzica ci fossero le immagini di Giovanni Paolo II e della Madonna Nera di Częstochowa. Solidarność ha fatto emergere l’esperienza umana in tutta la sua integralità e quindi anche nella dimensione religiosa. Oltre alla ribellione contro condizioni di vita difficilissime, il fattore nuovo che emerge nel 1980 è una nuova coscienza della dignità dell’uomo e della necessità che il lavoro abbia un senso perché l’uomo possa vivere. Józef Tischner, uno dei protagonisti di quegli eventi, scrive: “L’ethos del lavoro è per il lavoro ciò che il bello è per l’opera d’arte. Un’opera d’arte priva della bellezza non è un’opera d’arte. Un lavoro che non serve alla comprensione non è un lavoro”. Proponiamo quindi l’esperienza nata da Solidarność perché riteniamo che questi due temi, libertà e senso del lavoro, siano quanto mai attuali.
Luigi Geninazzi, giornalista e testimone diretto di Solidarność e degli avvenimenti che hanno portato alla fine del comunismo nell’Europa dell’Est, Ha raccontato la sua esperienza professionale ed umana di quegli anni nel libro che introdurrà, L’Atlantide Rossa. Sandro Chierici ha curato la mostra presentata nell’edizione del Meeting di Rimini 2010 Danzica 1980. Solidarność. Tale mostra è una delle proposte di quest’anno dell’Associazione Rivela.

Condividi l'evento

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime notizie.

Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Ti potrebbe interessare:

2020/2021

Nel nome di Dante

Presentazione del libro di Marco Martinelli “Nel nome di Dante. Diventare grandi con la Divina Commedia” (Ponte alle Grazie, 2019).

Leggi Tutto »