P. Matteo Ricci in Opera

Tour italiano dell'opera cinese su P. Matteo Ricci e Xu Guangqi

Quando

23/07/2015

Ora

21:00

Luogo

Teatro Filarmonico di Verona

Dettagli

Amici del Centro Culturale Sant’Adalberto

L’Officina Contemporanea, il Teatro Piccolo di Milano, la Shanghai Theatre Academy e il Centro Studi Li Madou, con il sostegno dei Comuni di Macerata e Verona, e il sostegno delle Diocesi di Macerata, Verona e Milano sono lieti di invitarvi allo spettacolo: “P. Matteo Ricci in Opera”

L'incontro

Biografia:

P. Matteo Ricci
Nato a Macerata il 6 ottobre dei 1552 da nobile e importante famiglia, inizia gli studi in una scuola gesuita e nel 1568 si trasferisce a Roma per completare la sua formazione di letterato e di religioso. Nel 1572 entra nel noviziato a Sant’Andrea al Quirinale e presso il Collegio Romano segue i corsi diretti dal tedesco padre Cristoforo Clavio dal quale eredita la grande passione per le discipline scientifiche come la matematica, l’astronomia e la cartografia oltre alla conoscenza dei letterati classici.

All’epoca, il visitatore generale delle missioni dei Gesuiti in Oriente è padre Alessandro Valignano, incaricato anche della preparazione di alcuni missionari per una spedizione cattolica in Cina. Padre Ricci è uno degli uomini destinato al trasferimento e, dopo esser stato ordinato sacerdote, nel 1582 salpa alla volta della missione verso Macao. Costretto a rimanervi più del previsto a causa dell’interdizione della Cina agli stranieri, si dedica all’apprendimento della lingua e degli usi e costumi cinesi, vestendo successivamente gli abiti propri dei letterati.

Dopo avere invano tentato nel 1598 di raggiungere Pechino, Padre Matteo Ricci rientra a Nanchino dove rimane fino al 1601, anno in cui riesce finalmente a raggiungere la capitale. Non sono però anni infruttuosi: in questo periodo cresce e si rafforza il legame di stima reciproca con la classe colta e con le schiere governative cinesi tanto che, proprio grazie al rispetto di cui gode presso di esse, viene raccomandato per il suo ingresso a Pechino, capitale del “Regno di Mezzo”, alla Corte Imperiale di Wanli. La fama di teologo, predicatore e letterato occidentale lo precede a tal punto che l’Imperatore, incuriosito e colpito dallo “straniero”, gli concede il permesso di fondare una chiesa (sostenuta a spese dell’erario) e, ammettendolo spesso a corte, lo introduce nella cerchia dei mandarini, i più importanti funzionari imperiali.

Quando muore nel 1610, la comunità cristiana cinese, fondata da Padre Matteo Ricci, contava 500 convertiti di cui 400 solo a Pechino; tra questi-neofiti spiccano figure di primo piano della vita sociale, culturale e politica cinese, nonché alcuni parenti dell’Imperatore. Padre Matteo Ricci riceve, forse, il più alto riconoscimento, cioè il privilegio imperiale di un terreno di sepoltura nella capitale in quella che oggi è la School of Beijing Municipal Committee. Tale onore, impensabile per gli stranieri che non potevano essere inumati a Pechino, viene concesso dall’Imperatore su richiesta dei compagni di Padre Matteo Ricci in virtù del suo amore e della sua profonda stima per il popolo e la cultura cinese.

La tomba del gesuita maceratese si trova oggi all’interno del Cimitero di Zhalan, presso il Collegio Amministrativo di Pechino (Beijing Administrative College), situato nei pressi del Tempio delle Cinque Pagode, alla periferia nord-ovest della città.

Condividi l'evento

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime notizie.

Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Ti potrebbe interessare:

2020/2021

Nel nome di Dante

Presentazione del libro di Marco Martinelli “Nel nome di Dante. Diventare grandi con la Divina Commedia” (Ponte alle Grazie, 2019).

Leggi Tutto »